Agricoltura, sviluppo rurale e politica regionale nell’Unione Europea. Profili concorrenti nella programmazione e nella pianificazione dei territori rurali

Agricoltura, sviluppo rurale e politica regionale nell'Unione Europea. Profili concorrenti nella programmazione e nella pianificazione dei territori rurali libro di Pareglio Stefano


Stefano Pareglio




SCARICARE (leggere online) LIBRO Agricoltura, sviluppo rurale e politica regionale nell'Unione Europea. Profili concorrenti nella programmazione e nella pianificazione dei territori rurali PDF:

  • Agricoltura, sviluppo rurale e politica regionale nell'Unione Europea. Profili concorrenti nella programmazione e nella pianificazione dei territori rurali.pdf

  • Agricoltura, sviluppo rurale e politica regionale nell'Unione Europea. Profili concorrenti nella programmazione e nella pianificazione dei territori rurali: La Politica agricola comunitaria (PAC) riflette molte delle aspettative, dei
    progressi e delle crisi del disegno di integrazione che da più di mezzo secolo
    attraversa l’Europa e che ha portato, con percorsi spesso travagliati e
    complessi, all’attuale Unione europea (UE). Questo testo presenta l’evoluzione
    dei due pilastri della PAC (la politica dei prezzi e dei mercati e la politica
    di sviluppo rurale) nei cinquant’anni trascorsi dalla firma dei Trattati di
    Roma, fino all’attuale periodo di programmazione 2007-2013. Vengono inoltre
    presentati, da un lato, la politica di coesione economica e sociale dell’UE,
    divenuta nell’ultimo periodo una vera e propria politica di sviluppo
    regionale, dall’altro, il cammino dell’integrazione europea, che sulla
    politica regionale necessariamente si riflette. Oggi, infatti, la
    programmazione e la pianificazione dei territori rurali si fondano su numerosi
    e concorrenti profili, il cui rilievo muta in ragione della varietà di
    agricolture e di condizioni di sviluppo rurale e regionale che si incontrano
    nell’UE ormai allargata a ventisette Paesi.



    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento