Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale

Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale libro di Rampini Federico


Federico Rampini




SCARICARE (leggere online) LIBRO Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale PDF:

  • Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale.pdf

  • Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale: La crisi economica scoppiata nel 2008 con il fallimento della banca d’affari
    americana Lehman Brothers sembra non avere fine, in Italia come nel resto
    d’Europa: nonostante i governi e gli economisti si arrovellino sulle misure da
    adottare, le aziende chiudono, la disoccupazione aumenta, i consumi crollano.
    E la responsabilità della recessione in corso è stata addossata, di volta in
    volta, al mercato dei mutui statunitensi – i famigerati “subprime” -, allo
    strapotere della finanza, al peso schiacciante del debito pubblico. Cambiando
    decisamente prospettiva, Federico Rampini non si chiede a “che cosa” imputare
    la colpa ma piuttosto a “chi”, e senza alcuna esitazione afferma: “I banchieri
    sono i grandi banditi del nostro tempo. Nessun bandito della storia ha mai
    potuto sognarsi di infliggere tanti danni alla collettività quanti ne hanno
    fatti i banchieri”. Dall’osservatorio privilegiato degli Stati Uniti, dove la
    crisi ha avuto inizio, Rampini racconta chi sono i banchieri di oggi, come
    abbiano potuto adottare comportamenti tanto perversi, assumersi rischi così
    forti e agire in modo talmente dissennato da provocare un’autentica Pearl
    Harbor economica, sprofondando l’Occidente nella più grave crisi degli ultimi
    settant’anni. E tutto questo, contando sempre sulla certezza dell’impunità. A
    pagare i loro errori sono infatti i cittadini dei paesi sulle due sponde
    dell’Atlantico, e il prezzo è altissimo: crescenti diseguaglianze, precarietà
    del presente, paura del futuro.

    The economic crisis that erupted in 2008 with the collapse of American Investment Bank Lehman Brothers seems to have no end, in Italy as in the rest of Europe: despite the Governments and economists are arrovellino on the action to be taken, businesses close, unemployment rises, consumer spending collapse.
    And the responsibility for the current recession has been placed, from time to time, to the u.s. mortgage market-the notorious “subprime”-, to the overwhelming power of finance, the crushing weight of debt. Changing much perspective, Federico Rampini doesn’t asks “what” impute blame but rather to “who”, and without any hesitation: “bankers are the big gangsters of our time. No Bandit in history has ever been able to dream of inflicting so much damage to the community those who get the bankers “. From the vantage point of the United States, where the crisis began, Staples tells who the bankers now, how they could adopt behaviours so perverse, take risks so strong and act so insane as to cause genuine economic Pearl Harbor, sinking the West in the biggest crisis of the last seventy years. And all of this, always counting on the certainty of impunity. To pay for their mistakes are indeed citizens of countries on both sides of the Atlantic, and the price is very high: growing inequality, insecurity, fear of the future.

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento