Girotondo d’autunno

Girotondo d'autunno libro di Saar Ferdinand von


Saar Ferdinand von




SCARICARE (leggere online) LIBRO Girotondo d'autunno PDF:

  • Girotondo d'autunno.pdf

  • Girotondo d'autunno: “Dell’autunno della monarchia absburgica Ferdinand von Saar (1833-1906) fu
    lucidissimo testimone e cronista. La sua riflessione esistenziale si articola
    intorno a una tipologia del rimpianto – affrontata con dolorosa rassegnazione
    largamente influenzata dalla lettura di Schopenhauer – per tutto ciò che il
    trascorrere del tempo cancella e condanna all’oblio, rivelando le ipocrisie
    del presente. “Girotondo d’autunno” (1897), titolo ispirato da un dipinto
    omonimo del pittore simbolista praghese Gabriel von Max, raccoglie tre novelle
    rappresentative della raffinata scrittura ritrattistica che gli fu peculiare.
    La provincia morava, dove lo scrittore soggiornò a più riprese per dedicarsi
    in un isolamento pressoché patologico all’attività letteraria, e una Vienna
    crepuscolare sono lo scenario in cui si muovono personaggi in preda a
    inquietudini e turbamenti di fronte a una realtà sentita come estranea ed
    estraniarne. Saar sembrerebbe così annunciare la grande letteratura della
    “Finis Austriae”, nonostante il divario generazionale di circa trent’anni che
    lo separava da esperienze biografiche e letterarie sostanzialmente diverse,
    cui egli si sentiva alieno, pur consapevole di averle annunciate.”
    (Giovanni Tateo)

    “The fall of the Habsburg monarchy (1833-1906) Ferdinand von Saar was shining witness and chronicler. His existential reflection focuses on a type of regret–faced with painful resignation greatly influenced by reading Schopenhauer-for all that the passage of time erases and condemnation to oblivion, revealing the hypocrisy of this. “Girotondo” (1897), a title inspired by a painting of the same name Prague symbolist painter Gabriel von Max, collects three novels represent the refined writing portraiture that was peculiar.
    The province of Moravia, where the writer lived on several occasions to indulge in an almost pathological isolation to literary activity, and a twilight Vienna are the scenario where you move characters plagued by worries and troubles facing a reality perceived as alien and estraniarne. Saar would seem so announce the great literature of “Finis Austriae”, despite the generation gap of about 30 years that separated him from the biographical and literary experiences differ substantially, which he felt alien, although aware that he announced. ”
    (John Ta)

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento