La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell’universo

La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell'universo libro di Yau Shing-Tung - Nadis Steve


Shing Yau




SCARICARE (leggere online) LIBRO La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell'universo PDF:

  • La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell'universo.pdf

  • La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell'universo: Sembra impossibile che spazi più piccoli di quelli che si possono umanamente
    immaginare, spazi a sei dimensioni, un milione di milioni di milioni di volte
    più piccoli di un elettrone, siano in grado di esercitare un’influenza tanto
    profonda su ogni parte dell’Universo da diventarne un tratto distintivo e
    caratterizzante Eppure è così Per la teoria delle stringhe le dimensioni
    dell’Universo sono dieci: quattro sono le dimensioni spaziotemporali
    contemplate dalla teoria della relatività generale, le restanti sei (le
    cosiddette “dimensioni extra”) danno forma alle varietà di Calabi-Yau Nel
    1976 Shing-Tung Yau ha conquistato la Medaglia Fields, il premio Nobel dei
    matematici, per aver dimostrato l’esistenza di queste forme complesse che
    portano il suo nome, spazi invisibili la cui geometria può essere la chiave
    definitiva per comprendere i più importanti fenomeni fisici “The shape of deep space” traces the stages of scientific path that led Yau formulating a revolutionary theory, with a new picture of the universe Too good to be true: so often, skeptics have liquidated the abstractions of the new geometry The hypothesis of extra dimensions, which covers physics, mathematics and geometry, suggests not only that the new spaces can be true, but that reality, once again, is more charming of the imagination

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento