La linea d’ombra. Testo inglese a fronte

La linea d'ombra. Testo inglese a fronte libro di Conrad Joseph


Joseph Conrad




SCARICARE (leggere online) LIBRO La linea d'ombra. Testo inglese a fronte PDF:

  • La linea d'ombra. Testo inglese a fronte.pdf

  • La linea d'ombra. Testo inglese a fronte: Tra i più bei racconti lunghi di Conrad, tra i più sottilmente inquietanti e
    misteriosi pur nella lineare semplicità della vicenda, “La linea d’ombra”
    riassume nella breve esperienza di un ufficiale di marina al suo primo comando
    una intera esistenza. Prigioniero di una bonaccia che costringe la sua nave
    all’immobilità assoluta, circondato da un equipaggio i cui membri cadono
    progressivamente vittime della febbre gialla, senza alcuna possibilità di
    chiedere e ottenere aiuto, il protagonista conosce, nel breve arco di tempo di
    un viaggio che diviene simbolo della vita, le miserie e le grandezze della
    condizione umana. Messo a confronto con la sofferenza, la follia, le
    insondabili forze della natura, oltrepasserà infine “la linea d’ombra”, quel
    confine elusivo, a tratti inafferrabile, che segna il passaggio dalla
    giovinezza all’età matura. Con un saggio di Italo Calvino. Introduzione di Ian
    Watt.

    Among the most beautiful novellas by Conrad, one of the most subtly unsettling and mysterious despite the linear simplicity of the story, “the shadow line” summed up in brief experience of a naval officer on his first command a whole existence. Prisoner of a becalmed forcing his ship to absolute immobility, surrounded by a crew whose members dropping progressively yellow fever victims, without any opportunity to seek and obtain help, the protagonist knows, in the short time span of a journey that becomes a symbol of life, the miseries and the sizes of the human condition. Compared with the suffering, the madness, the unfathomable powers of nature, will finally “the shadow line”, that boundary elusive, sometimes elusive, that marks the passage from youth to maturity. With an essay by Italo Calvino. Introduction by Ian Watt.

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento