La saggezza dell’anima. Quello che ci rende unici

La saggezza dell'anima. Quello che ci rende unici libro di Morelli Raffaele


Raffaele Morelli




SCARICARE (leggere online) LIBRO La saggezza dell'anima. Quello che ci rende unici PDF:

  • La saggezza dell'anima. Quello che ci rende unici.pdf

  • La saggezza dell'anima. Quello che ci rende unici: “Ogni nostro disagio non è altro che la voce inascoltata dell’anima che vuole
    farci ritrovare la nostra unicità, il nostro destino. Allora quando arrivano
    l’attacco di panico, la depressione, i disturbi psicosomatici dobbiamo
    soltanto chiederci: quale strato profondo di me vogliono portare alla luce?
    Per guarire dobbiamo cambiare il nostro modo di vedere il mondo: diventare più
    misteriosi, più incerti, imparare ad amare gli imprevisti, ascoltare sempre
    meno il parere degli altri, affidarci sempre più al lato oscuro e quindi alla
    vita. Diventare più saggi, di quella saggezza che non viene dal sapere
    razionale, ma semplicemente dallo stare nelle cose, così come sono: chi impara
    a stare bene non ha la velleità di cambiare il mondo. Fidarci di quel luogo
    oscuro che chiamiamo “anima”. Che cosa dobbiamo temere se qualcuno guida la
    nostra esistenza?”

    “All our discomfort is nothing but unheard voice of the soul that wants us to rediscover our uniqueness, our destiny. Then when they get the panic attack, depression, psychosomatic disorders, we have only to ask: which deep layer of me want to bring to light?
    To heal we must change our way of seeing the world: become more mysterious, more uncertain, learning to love the unexpected, always listen to the opinion of others less, rely more and more on the dark side, and then to life. Become wiser, that wisdom that comes from knowing not rational, but simply by staying in things as they are: the learner to feel good does not have the ambition to change the world. Trust that dark place that we call “soul”. What we have to fear if somebody guides our existence? “

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento